calendario

e-production

27 dicembre 2013December 27, 201327 decembre 2013

Club Adriatico

@ Almagià · Ravenna
Via dell'Almagià 2

http://club-adriatico.com

Facebook Event

RODHAD (De, Dystopian),
MIRTO BALIANI (It, Live)
Ba’al-zebùb – Teddy Bear Company – performer Sergio Policicchio

Il suono di Rødhåd si è forgiato nelle interminabili notti elettroniche di Berlino. La sua techno senza tempo trova infallibilmente quel perfetto equilibrio in grado di trascinare il dancefloor e innalzare le nostre anime. Ormai ospite fisso della console del Berghain il suo stile è sempre profondo, potente e malinconico, dalla dub-techno alla techno e di nuovo alla house. Notti lunghe e oscure, capannoni e impianti industriali dismessi, un rumore di fondo. Quale genere di musica può accordarsi al ritmo di questo nostro tempo meglio della musica di Rødhåd?
Nei live di Mirto Baliani su di un tribalismo percussivo spesso si affacciano echi di voci di muezzin mentre fields recordings desertici si sposano all’incombenza di ritmi urbani destinati a tramutarsi in un oscuro e potente invito al ballo.
Ba’al-zebùb è una performance “cult” presentata per la prima volta dalla Teddy Bear Company nel corso degli anni ’90 e che oggi viene riallestita con un nuovo protagonista, l’artista visivo e performer Sergio Policicchio.

Resident MATTEO PIT, EL PUTIFERIO

Light design Alessandro Panzavolta/OrthographeUNZIP (roBOt festival, IT)
DAVE SAVED (live, IT)

Marco e Toni, oggi tra i curatori del roBOt festival, si uniscono nel progetto UNZIP alla fine degli anni novanta diventando parte del LED (Link Electronic Department) e quindi djs resident del LINK, mecca dell’elettronica bolognese. Qui, affiancando i migliori dj della scena techno mondiale da Hawtin a Villalobos da Aphex a Jeff Mills, gettano le basi per la loro carriera. Tra i più talentuosi djs italiani, il loro è un mix di sonorità techno-minimal e house, loop corti e suoni analogici. Grazie alla serata Playhouse ospitata al Kindergarten di Bologna gli UNZIP iniziano ad essere conosciuti fuori dal confine nazionale e invitati in club come il Bar25 e il Watergate di Berlino e nei festival più importanti della scena come il Sonar di Barcellona.
Dave Saved, giovanissimo artista di Napoli già al lavoro per la label inglese Astro:Dynamics, nel suo live ci offre una materia sonora incandescente che mischia in modo raffinato e potente psichedelia e techno. Un suono classico e innovativo al tempo stesso, un’attitudine che lo rende speciale nel tenere insieme sperimentazione e ritmi dance.UNZIP (roBOt festival, IT)
DAVE SAVED (live, IT)

Marco e Toni, oggi tra i curatori del roBOt festival, si uniscono nel progetto UNZIP alla fine degli anni novanta diventando parte del LED (Link Electronic Department) e quindi djs resident del LINK, mecca dell’elettronica bolognese. Qui, affiancando i migliori dj della scena techno mondiale da Hawtin a Villalobos da Aphex a Jeff Mills, gettano le basi per la loro carriera. Tra i più talentuosi djs italiani, il loro è un mix di sonorità techno-minimal e house, loop corti e suoni analogici. Grazie alla serata Playhouse ospitata al Kindergarten di Bologna gli UNZIP iniziano ad essere conosciuti fuori dal confine nazionale e invitati in club come il Bar25 e il Watergate di Berlino e nei festival più importanti della scena come il Sonar di Barcellona.
Dave Saved, giovanissimo artista di Napoli già al lavoro per la label inglese Astro:Dynamics, nel suo live ci offre una materia sonora incandescente che mischia in modo raffinato e potente psichedelia e techno. Un suono classico e innovativo al tempo stesso, un’attitudine che lo rende speciale nel tenere insieme sperimentazione e ritmi dance.