calendario

Fanny & Alexander

CHIARA LAGANI PARTECIPA A TODO MODO: L’OMAGGIO DI FIRENZE A ELIO PETRI

TODO MODO: L'OMAGGIO DI FIRENZE A ELIO PETRI

10560428_10153135471925169_4940265620799228121_o

· Libreria Todo Modo · Firenze
Via dei Fossi 15

http://fannyalexander.org

Facebook Event

Da Giovedì 2 a Sabato 4 Aprile, a trentanove anni di distanza dall’uscita del film- capolavoro TODO MODO, Odeon Firenze, CG Entertainment e Cineteca di Bologna (in collaborazione con il Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani – Gruppo Toscano) presentano un omaggio a Elio Petri, con la proiezione del film e un ciclo di incontri dedicati al grande regista a cura di Libreria Todo Modo (Firenze) e Associazione Indagine. Dopo il restauro effettuato dalla Cineteca di Bologna e la pubblicazione del film, per la prima volta in assoluto in dvd, a cura di Mustang Entertainment e distribuito da CG Entertainment, si ha finalmente la possibilità di rivederlo al cinema in tutta la sua potenza immaginifica.

Todo Modo è uno dei più controversi film della cinematografia Italiana e segna l’ultima esperienza del duo Petri-Volontè. Da molti è indicato come il film che decreta la fine del cinema politico. Alcuni lo ricordano come anticipatore della morte di Moro, altri come un oggetto misterioso. Per Sciascia rappresentava “la conclusione del processo che Pasolini voleva fare alla classe politica democristiana e non poté fare”. Per molti era un film pericoloso che non doveva circolare.

Todo Modo è uno dei capolavori di Elio Petri, autore scomodo e osteggiato, molte volte più dalla sinistra che dalla destra, per la sua “inquieta lucidità”. Il regista ha indagato i processi di potere in tutte le sue forme, incontrando spesso problemi di censura e subendo il rifiuto da parte delle autorità competenti, ma a dispetto di questo ha ricevuto premi e fatto incassi da film da botteghino. Autore marxista che lavorava con metodi spettacolari e non si sottometteva alla rigidità stilistica e ideologica pretesa dalla critica militante, i suoi film sono il risultato dell’opera di un intellettuale che viveva criticamente nella contemporaneità, non solo nel campo cinematografico, ma anche in quello delle arti figurative, nella vita politica, nello studio della società. I suoi film sono affreschi elaborati, macchine rappresentative, di cui Todo modo è uno dei massimi esempi.
In anni recenti la cinematografia di Elio Petri è stata riletta da vari studi che la analizzano in maniera più obiettiva, meno ideologica. Al restauro fisico dei film, si aggiunge quindi il restauro del tempo, che semplifica e chiarisce molte questioni controverse affrontate del regista.
L’obiettivo degli incontri è di inserirsi in questa rilettura, analizzando la cinematografia di Elio Petri in ottica contemporanea e trasversale, con l’ausilio di semiologi, performer, critici d’arte e artisti, dando spazio a visioni anche non propriamente cinematografiche e ripartendo proprio da Todo modo, che, con le sue forti connotazioni tematiche, stilistiche e semantiche, offre la possibilità di articolazione degli incontri in tre chiavi tematiche precise, mai distinte, ma intersecatesi tra loro.

Prima nazionale del film
2 Aprile ore 21.00
Cinema Odeon
Piazza Strozzi 2 Firenze

PROGRAMMA DEGLI INCONTRI

2 Aprile
Libreria Todo Modo ore 18:00
Incontro: Petri, Il cinema, la realtà, la critica.
La visione della realtà e le sue controindicazioni, viaggio nella cinematografia di Petri e nella risposta della critica e della censura.
Intervengono: Paola Petri (moglie di Elio Petri), Federico Bacci (regista e scenegggiatore), Claudio Carabba, Gabriele Diverio, Marco Luceri, Alfredo Rossi (critici cinematografici).
Cinema Odeon ore 21:00
Proiezione del film TODO MODO, di Elio Petri – Versione originale restaurata

3 Aprile
Libreria Todo Modo ore 18:00
Incontro: il corpo della politica.
Rappresentazione della mimesi politica nei film di Elio Petri a confronto con altri esempi. Dalla performance alla pittura, dalla scultura al teatro, un filo ininterrotto dal passato fino ad oggi.
Intervengono: Tommaso Granelli (sociologo/semiologo/studioso della politica), Jacopo Torriti (autore di uno studio su Petri e la critica) Andrea Cortellessa (critico letterario), Pietro Gaglianò (critico d’arte e curatore)
Con la partecipazione di Chiara Lagani della compagnia teatrale Fanny & Alexander.

4 Aprile
Libreria Todo Modo ore 18:00
Incontro: Petri e le arti figurative
Il Cinema di Petri raccontato attraverso l’arte, riferimenti presenze e influenze delle arti figurative nella cinematografia di Elio Petri, il loro ruolo e la loro funzione nella creazione del suo personalissimo linguaggio cinematografico.
Intervengono: Riccardo Venturi, Francesco Galluzzi (storici dell’arte), Laura Cusmà, (storica del cinema).

Tutti gli incontri sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Il ciclo di incontri “Da Todo Modo a Todo Modo” è a cura di Federico Bacci, Massimo Conti, Debora Ercoli, Lucia Giardino, Pietro Torrigiani, Maddalena Fossombroni.