news

E-production

LUMEN › 27 OTTOBRE › ROMA

Lumen_Angelo MAI

27 ottobre 2017  –  h 23.00
LUMEN

con Luigi De Angelis e Emanuele Wiltsch Barberio

Ideazione e live electronics Luigi De Angelis, Emanuele Wiltsch Barberio

Heartbeat Giorgina Pi

Produzione E production

Ringraziamenti Alberto Favretto e Elisa Bortolussi, Jacopo Paolin – Anbesa, Federico Tanzi – Audio73 – Pino Saulo

Qual è la connessione tra le prime comunità danzanti riunite intorno a un fuoco – animate dal bruciare della fiamma del ritmo – e le ricerche di una trance collettiva nel presente, dai primi rave degli anni ’90 alle mutevoli forme del dancefloor moderno?
La risposta di LUMEN è una indagine “tecno-primitiva” attraverso le discendenze musicali di antiche ritualità e tradizioni, nel tentativo di veicolare la forza assoluta di forme musicali provenienti da tutto il mondo in un unico liveset che viaggia attraverso i secoli e le geografie.
Registrazioni sul campo provenienti da tutto il mondo sono inanellate attraverso una radicale ricerca sonora, che ne modula ed evidenzia la comune discendenza da una unica, eterna necessità forse ancora immutata: la ricerca di una unione e di un altrove attraverso la musica.


“Lumen è un fuoco fatuo, dall’esistenza effimera e magica, che appare e scompare originando un invito notturno alla festa e al ballo collettivo. La sua durata è scandita dalla combustione di una grande pira di fuoco e il suo movimento innesca l’abbandono a una danza, ritmata dall’andamento della fiamma e dalle temperature del calore.
Lumen inaugura, con un una pulsazione di fuoco, l’inizio di una festa animista e di un Festival: lo Sferisterio si trasforma in un luogo del rito dove una fiamma disegna geometrie imprevedibili, scandendo la durata di un’esperienza musicale, che tende alla possessione e dal sapore iniziatico.”

Un rito collettivo, un rave animato da un grande fuoco intorno al quale prendono forma e sostanza le voci, gli strumenti, i suoni di popoli del mondo intero, dalla trance nei riti vudu di Haiti ai canti di guerra Sioux, dalle tessiture ritmiche Inuit alle stratificazioni dei pigmei Bayaka, alla voce solitaria di uno sciamano colombiano.

More info